Creare dei corridoi verdi nelle città per abbassare le temperature di oltre due gradi

È nota a tutti la questione del riscaldamento globale che, attualmente, rappresenta un serio problema per il nostro pianeta. Eppure una soluzione per la lotta a questo fenomeno esiste ed è anche abbastanza semplice da applicare, questa consisterebbe nel piantare quanti più alberi possibili per far sì che si riducano le temperature in città.

Il primo paese che ha intrapreso questa iniziativa è la Colombia, dove nella città di Medellin hanno creato 30 corridoi verdi, riempendo zone urbane in cui solamente il pensiero di dover creare aree naturali rappresentava un lontano miraggio.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608696585970/?type=3&theater

Molti quartieri della città hanno iniziato a mostrarsi sempre più verdi, con numerosi viali alberati, parchi, giardini e corsi d’acqua che hanno contribuito a ridurre di 2 gradi centigradi la temperatura, arrivando in alcune zone anche sotto di tre.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608813252625/?type=3&theater

Tra gli obiettivi principali di Medellin, c’è proprio quello di voler ridurre la temperatura del termometro, in una città dove qualche grado in meno ridurrebbe anche l’uso di condizionatori ed elettrodomestici, i quali sono i principali consumatori di energia che aumentano le emissioni di gas serra e riscaldano ancora di più l’ambiente.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608859919287/?type=3&theater

La presenza di questi corridoi verdi, non solo consente di avere città più fresche, ma permette di riqualificare esteticamente i quartieri e ripulire l’aria inquinata dal traffico automobilistico, offrendo inoltre aree ombreggiate per i cittadini.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608746585965/?type=3&theater

Le vie verdi colombiane, premiate agli Ashden Awards 2019 nelle sezione Cooling by Nature, rappresentano una progettazione urbana fortemente intelligente che riesce ad apportare benefici sia agli esseri umani sia alla natura.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608966585943/?type=3&theater

Purtroppo, il 30% della popolazione terrestre è soggetta ad affrontare delle temperature estive molto elevate. Si contano ben 12 mila persone morte nel mondo proprio per questa causa.

https://www.facebook.com/aci.medellin/photos/pcb.2234609116585928/2234608696585970/?type=3&theater

Per far sì che il numero diminuisca, soprattutto nelle grandi città, sono stati creati dei progetti per combattere questo terribile calore.

Milano, per esempio, si è posta l’obiettivo si ricoprire di verde i tetti dei propri quartieri, nello specifico ben 13 milioni di metri quadrati per la lotta contro le alte temperature e l’inquinamento.

Sempre nella città milanese, nell’anno 2018 è entrato in vigore il programma ForestaMi, che consiste in un piano di forestazione urbana realizzato dal Politecnico di Milano, con lo scopo di piantare ben 3 milioni di alberi entro i prossimi undici anni, precisamente uno per ogni abitante della città.

Attualmente, sono state piantate solamente 16 mila piante, poiché il valore di ogni ettaro di vegetazione al Comune milanese costa ben un milione di euro.

Nonostante questo prezzo esorbitante, le amministrazioni dovrebbero comunque fare sacrifici visto che, a lungo termine, tali iniziative porteranno al miglioramento del benessere della vita combattendo soprattutto il problema del riscaldamento globale.

Potrebbe interessarti Un fotografo e sua moglie hanno piantato 2 milioni di alberi in 20 anni per recuperare una foresta distrutta e persino gli animali sono ritornati

Cosa ne pensi di questi progetti per abbassare in modo naturale la temperatura nelle città? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti notizie. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a info@curiosandosimpara.com

Potrebbe interessarti:

Non perderti:

Altri articoli

<
>