In Cina puoi guadagnare più di 25 mila euro all’anno per piangere ai funerali di sconosciuti

A quanto pare, in Cina, è possibile guadagnare fino a 28 mila dollari (200 mila yuan) l’anno per piangere ai funerali di persone sconosciute, questo è ciò che ha raccontato una donna che vive nella provincia rurale di Henan, in Cina. La donna ha affermato di essere riuscita a mantenere la propria famiglia per diversi anni grazie a questo singolare impiego.

Durante un’intervista riportata da Shanghaiist, la donna ha dichiarato di aver lavorato, negli ultimi 20 anni, piangendo durante i funerali e di essere riuscita con questo lavoro ad acquistare casa e a pagare le spese universitarie del proprio figlio maggiore.

L’unica cosa che viene richiesta è quella di partecipare ai funerali di persone sconosciute e di affliggersi come se si trattasse della scomparsa di un familiare stretto, piangendo e lamentandosi ad alta voce.

Anticamente, la figura della prèfica era una donna che veniva pagata per piangere durante i funerali, tuttavia, nel nostro paese, l’usanza di piangere a pagamento durante i riti funebri è rimasta fino agli anni ’50, soprattutto nel meridione.

L’origine di questa tradizione proviene dall’antico Egitto, dove si credeva che il pianto delle persone ai funerali fosse in grado di purificare l’anima del defunto dai peccati commessi in vita, facilitando così il loro arrivo nell’aldilà.

La donna ha affermato di percepire circa 40 euro per piangere per soli 30 minuti e di essere riuscita a guadagnare in un solo anno più di 25 mila euro.

Potrebbe interessarti Un cavallo afflitto si avvicina per dare l’ultimo addio al suo migliore amico umano durante il suo funerale

Avevi mai sentito parlare di questo tipo di lavoro? Tu lo faresti? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano dirti la loro opinione. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a [email protected]

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button