Dopo che gli orsi hanno continuato a rubargli il miele, questo apicoltore ha deciso di trasformarli in degustatori

Tutti noi sappiamo bene che gli orsi sono degli animali molto golosi che adorano il miele e che farebbero di tutto pur riuscire a mangiarne un po’. Per questo, spesso, i loro assalti risultano essere un grosso problema per gli apicoltori. Di fatto, sono in grado di causare danni ingenti, ma, per fortuna, esistono diversi apicoltori come Ibrahim Sedef che fanno del loro meglio per tenerli alla larga senza far loro del male.

Ibrahim è un ingegnere agricolo che si occupa di apicoltura e che vive a Trebisonda, in Turchia. L’uomo, per lungo tempo, ha dovuto sforzarsi per trovare dei modi che impedissero agli orsi di distruggere i suoi alveari.

In passato aveva provato a fissare le arnie all’interno di gabbie di metallo, dopodiché ha tentato di sviare gli spuntini notturni degli orsi lasciando loro del cibo come pane, frutta e miele, tuttavia, nulla di tutto questo ha funzionato, poiché gli orsi sono comunque sempre ritornati a distruggere gli alveari.

Per questo, ha deciso di installare delle telecamere esterne di modo da capire meglio il comportamento di questi grandi animali. E mentre cercava di studiarli per riuscire a superarli in astuzia, ad Ibrahim è venuta in mente un’idea eccellente.

In pratica, ha deciso di trasformare i suoi ospiti in degustatori di miele, poiché il loro gusto in fatto di miele è sicuramente ineccepibile. Così, l’uomo ha allestito un tavolo all’aperto, sul quale ha posizionato dei contenitori contenenti quattro tipi diversi di questo dolce nettare.

Ibrahim non è rimasto affatto deluso dal risultato del suo esperimento e ha riscontrato che questi orsi hanno dei gusti piuttosto costosi. Durante un’intervista l’apicoltore ha affermato che gli orsi venivano attirati dall’odore del miele di Anzer, uno tra i più pregiati al mondo, e che invece, molto spesso, se ne andavano senza nemmeno toccare il miele di fiori di ciliegio.

Di seguito il video del suo esperimento:

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Cosa ne pensi del suo esperimento? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere la sua storia. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button