Gli astronauti hanno celebrato la nascita di un fiore nello spazio

La natura è veramente sorprendente, poiché anche un piccolo e delicato fiore può crescere grazie alla sua forza anche nei posti più impensabili. Proprio come è accaduto nel gennaio del 2016, quando il comandante Scott Kelly ha condiviso su Twitter le immagini di uno splendido fiore nato e cresciuto sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

L’esperimento era cominciato un paio di mesi prima, l’astronauta della NASA Kjell Lindgren aveva piantato dei semi di zinnia nel sistema di crescita delle piante situato a bordo della stazione chiamato “Veggie“. Si tratta di un impianto composto di luci a LED di colore rosso, blu e verde che rilascia l’umidità necessaria per la crescita delle piante.

Il processo di coltivazione di questo fiore ha offerto agli scienziati l’opportunità di capire meglio la crescità delle piante in microgravità e agli astronauti di esercitarsi nel giardinaggio autonomo nello spazio. Negli ultimi anni si sta cercando di coltivare sempre più alimenti e piante in orbita, poiché in futuro si prevedono viaggi sempre più lontani dalla Terra che prevedono la necessità di essere in grado di coltivare piante per alimentarsi, per ripulire l’atmosfera e per dei benefici psicologici.

Per curare la bella zinnia di colore arancione, Kelly e il suo equipaggio hanno ricevuto le informazioni necessarie attraverso una semplice guida chiamata “La guida alla cura della Zinnia per il giardiniere in orbita“, all’interno della quale hanno potuto trovare delle semplici indicazioni da seguire per il bene della pianta.

https://www.facebook.com/NASA/photos/a.67899501771/10158120748211772/?type=3&theater

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Non trovi anche tu che sia incredibile? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button