Così è come questo sacerdote ha vissuto l’esplosione di Beirut mentre celebrava la messa (video)

Ancora una volta, questo 2020 ha saputo farci rimanere senza parole, purtroppo, le esplosioni avvenute nel pomeriggio di ieri nella città di Beirut, in Libano, hanno portato delle gravissime conseguenze e ce lo dimostrano le terribili immagini che da ieri stanno facendo il giro del mondo.

I danni enormi causati dalle esplosioni sono attualmente incalcolabili e, a quanto pare, migliaia di persone sono rimaste senza una casa. Attualmente, si cercano ancora i dispersi, ma nulla di simile si era mai potuto vedere in passato e i numeri parlano chiaramente di una tremenda catastrofe ai danni di questo popolo già terribilmente martoriato.

Tra i tanti video che girano sul web, ce n’è uno in cui compare un sacerdote appartenente alla chiesa cattolica Maronita che sta celebrando una messa online dal vivo, l’uomo è all’interno di una chiesa che si trova nei pressi del porto, il luogo delle esplosioni.

Nelle immagini si può vedere solamente il sacerdote che si trova davanti all’altare e che continua la sua celebrazione nonostante si senta chiaramente un forte rumore provenire dall’esterno.

In seguito, dopo alcuni istanti, le luci si spengono, il soffitto della struttura inizia a crollare e si vede l’uomo che cerca di scappare, ma, sfortunatamente, viene colpito dalle macerie che lo lasciano a terra.

Di seguito il video:

Attualmente le condizioni di salute e l’identità del sacerdote sono sconosciute, ma speriamo che sia riuscito subito ad uscire dalla chiesa senza gravi conseguenze.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi degli avvenimenti accaduti nella città di Beirut? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button