“Siamo esseri viventi, non bagagli”, hanno creato una campagna affinché gli animali domestici possano viaggiare in cabina

Ogni giorno molte persone decidono di viaggiare in aereo con i propri animali domestici per i motivi più svariati, c’è chi si sta trasferendo definitivamente, c’è chi deve rimanere lontano da casa per lavoro e c’è chi, semplicemente, non vuole rinunciare ad una bella vacanza con i membri pelosi della famiglia.

Tuttavia, non si tratta affatto di una decisione che viene presa a cuor leggero perché, purtroppo, capita di sentire delle tristi storie di cani o gatti che non sono riusciti a superare il volo, o che ne sono rimasti estremamente traumatizzati.

Di fatto, gli unici animali che possono viaggiare in cabina insieme ai propri proprietari sono solamente quelli che non superano gli 8 chili di peso e i cani guida. Tutti gli altri, inceve, vengono trattati al pari dei bagagli perché, dentro al loro trasportino, vengono posizionati nella stiva dove si ritrovano soli in un ambiente del tutto sconosciuto, pieno di rumori assordanti e dove frequentemente la temperatura non è ottimale.

Angel è una gattina di razza bengala molto fortunata perché, pesando meno di otto chili, può affrontare qualsiasi viaggio in aereo con il supporto e le coccole dei suoi proprietari, degli altri passeggeri e del personale di bordo. Angel è anche abbastanza nota sul web, infatti la piccola ha fatto molti viaggi in giro per il mondo insieme alla sua famiglia e ogni sua avventura viene condivisa sul suo account di Instagram “Angel Bengal” dove è seguita da più di 150 mila persone.

Di recente, dopo essere venuti a conoscenza di tre tristi storie di gatti che hanno perso la vita proprio durante dei voli in stiva, i proprietari di Angel hanno deciso di aprire una raccolta firme sulla piattaforma di SOSVOX rivolta all’ International Air Transport Association (IATA), con lo scopo di far viaggiare gli animali domestici in cabina proprio come degli esseri viventi e non come dei bagagli.

Così, approfittando dei numerosi followers su Instagram, hanno condiviso il loro pensiero attraverso una foto della gattina mentre si trova tra le braccia di una hostess scrivendo: “Questo non è stato il mio primo volo ma sicuramente è stato uno dei miei preferiti. I membri dell’equipaggio sono stati molto gentili e hanno lasciato che i miei umani mi tenessero in braccio. Stavo andando a vedere l’aurora boreale in Lapponia. Quando siamo atterrati ho scattato una foto con questa bellissima signora e mi sono anche lasciata abbracciare. Immagino che un giorno avrò la mia Angel Airlines e lascerò viaggiare gratuitamente tutti gli animali in prima classe con croccantini e dolcetti 🍤 Soprattutto per i viaggiatori più assidui come me. P.S. Preferisco viaggiare fuori dal trasportino e lasciare che il mio corpo respiri durante il volo ✈️ 😄 – Angel

In seguito, i proprietari di Angel hanno spiegato che: “Non sono un bagaglio, sono un passeggero! Due gatti sono morti di recente e uno si è congelato durante il volo di @aeroflot da New York. E non è solo un problema di Aeroflot, ma un grosso problema per tutte le compagnie aeree in generale. Quanti altri animali dovranno morire durante i voli affinché le compagnie aeree cambino le regole di trasporto per loro? Finiscono congelati o fritti a morte o feriti. I trasportini vengono messi insieme ad altre borse e talvolta vengono tenuti all’aperto per ore, indipendentemente dal fatto che faccia troppo caldo o troppo freddo. È così brutto. Angel viaggia spesso, ma ha la fortuna di volare in cabina perché è piccola. Perché altri animali che pesano più di 8 kg vengono trattati come bagagli? Voglio chiederti di condividere queste informazioni in modo che tutte le compagnie aeree siano consapevoli e cambino le regole per il trasporto di animali! Devono trattarli come passeggeri! Perché i nostri amici pelosi non sono bagagli, sono passeggeri come te e me“.

Ad oggi la campagna “NON SIAMO BAGAGLI, SIAMO ESSERI VIVENTI: permettete agli animali di viaggiare in cabina!” ha già raccolto 66 mila firme, ma ne mancano ancora parecchie perché questa importante richiesta possa essere presa in considerazione.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

E tu cosa ne pensi? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button