Mia madre non ha mai cambiato i pannolini a mio figlio e ora si rifiuta di prendersi cura di lui

Non esiste una legge universale che obblighi i nonni a prendersi cura dei propri nipoti. Tuttavia, la maggior parte dei nonni ama trascorrere del tempo con i bambini e potrebbe essere felice di aiutare i propri figli quando necessario. La decisione di affidare i bambini ai nonni deve essere presa di comune accordo tra genitori e nonni, e non dovrebbe mai essere un obbligo.

Inoltre, i nonni dovrebbero essere liberi di scegliere quando e come desiderano aiutare i propri figli, senza sentirsi in colpa o coinvolti in conflitti familiari. In ogni caso, è importante mantenere una comunicazione aperta e sincera tra tutte le parti coinvolte, in modo da garantire il benessere dei bambini e delle relazioni familiari.

Questa è la storia di Myriam:

Dovetti lasciare per la prima volta il mio bambino di 8 mesi a casa di mia madre per 6 ore, per potermi recare al lavoro, poiché quel giorno la babysitter che si occupava di lui non venne e mio marito era di turno. Quando arrivai, mia madre chiamò le mie nipoti di 9 e 7 anni che vivevano al piano di sotto e chiese loro di accoglierlo; mi trattò con indifferenza. Tornai a riprenderlo il prima possibile e quando attivai trovai il mio bambino con gli occhietti pieni di lacrime, affamato e con il pannolino bagnato da tutta la mattina“.

Gli alimenti e il biberon erano esattamente come li avevo lasciati nella borsa, e le mie nipotine che cercavano di intrattenerlo, erano disperate perché non riuscivano a calmarlo (per fortuna erano in vacanza da scuola). Con le lacrime agli occhi, mi affrettai a occuparmi del mio bambino. Quando mia madre si avvicinò, le chiesi se non le facesse pena vedere mio figlio con i pantaloni bagnati per via del pannolino troppo pieno. Lei, arrabbiata, mi rispose che non gli aveva cambiato i pannolini perché io dovevo abituarmi a portare il bambino con me. Che lei aveva già cresciuto i suoi figli e non era disposta a fare nulla di più“.

Mi fece molto male quell’atteggiamento, poiché era solo per un’emergenza. Ero consapevole delle mie responsabilità e delle sue, non era nei miei piani obbligarla a fare quello che dovevo fare io. Tuttavia, non l’ho più disturbata con la presenza del mio bambino; e con mio marito abbiamo assunto pienamente il nostro ruolo di genitori. Quando mio figlio aveva 2 anni, per lavoro, ebbi l’opportunità di cambiare la mia residenza in un’altra città e 5 anni dopo il primo nacque la mia seconda figlia“.

Quando i miei bambini avevano 9 e 4 anni, a causa di esigenze lavorative, dovetti frequentare un corso di una settimana nella città in cui viveva mia madre. Decidemmo che mio figlio maggiore sarebbe rimasto con suo padre a casa e che io avrei portato con me la mia bambina di 4 anni, che era già abbastanza indipendente. Aveva solo bisogno di stare in un luogo sicuro durante le ore in cui avrei frequentato il corso. Andai a casa di mia madre per spiegarle la situazione e lei si arrabbiò molto“.

Mi disse che non avrebbe smesso di uscire, di andare a fare yoga e ai laboratori per anziani e che io avrei dovuto capire come fare senza di lei. La mattina in cui iniziò il mio corso lei si alzò e, senza dire nulla, uscì prima di me, così dovetti portare mia figlia alle lezioni tutti i giorni. Quando ci incontravamo a casa sua la sera, si mostrava indifferente e mi trattava come se non stesse succedendo nulla“.

Credo fermamente che i nonni non abbiano la responsabilità di prendersi cura dei nipoti. Tuttavia, mi sarebbe piaciuto avere la sua comprensione e il suo sostegno, e che non avesse avuto un atteggiamento tanto distante nei miei confronti e in quelli dei miei figli, solo perché aveva paura che se avesse mostrato un po’ di attenzione, mi sarei abituata a lasciare i miei bambini da lei. Ora i miei figli hanno 35 e 30 anni, hanno avuto una relazione distante con mia madre, non solo geograficamente, ma anche affettivamente ed emotivamente“.

Questa situazione è stata come una piccola spina nel mio cuore, che a volte punge un po’, ma con questa opportunità di condividere la mia esperienza, ho deciso che è ora di rimuoverla in modo che non faccia più male. Mia madre aveva le sue ragioni, e anche se non sono mai riuscita a capirle, non mi resta altro da fare che accettarle, rispettarle e seppellirle nel passato. Penso che ci siano circostanze in cui noi nonne potremmo dare una mano ai nostri figli e, a loro volta, con l’affetto e con i valori trasmessi, far sì che loro stessi non pensino nemmeno di approfittarne troppo. Grazie a coloro che hanno avuto la pazienza e la volontà di leggermi“. Facebook/Myriam Vaca

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Tu cosa ne pensi di questo argomento? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Tre libri consigliati sull’argomento:

Nuovi nonni per nuovi nipoti di Silvia Vegetti Finzi

Il testo di Silvia Vegetti Finzi fornisce un’analisi del rapporto tra i nonni e i loro nipoti più giovani. I nonni attuali sono cresciuti in un’epoca di modernizzazione e benessere, ma hanno anche vissuto la contestazione degli anni ’60 e ’70. Oggi, in un’epoca di precarietà economica e sociale, i nonni rappresentano spesso l’unica fonte di stabilità per la famiglia, offrendo supporto economico e prendendosi cura dei nipoti. Anche se non hanno responsabilità educative dirette, i nonni possono godere di momenti di gioco e di fantasia con i bambini, in cambio di affetto e complicità. Tuttavia, il ruolo dei nonni oggi è caratterizzato da aspettative e pressioni, il che rende difficile governare le relazioni affettive. Il libro presenta numerose testimonianze che illustrano la varietà dei rapporti tra nonni e nipoti. Lo puoi trovare su Amazon qui https://amzn.to/3LwwAYz

Nonna parlami di te. Un libro per conservare i ricordi di Monika Koprivova

Il kit regalo “La storia della nonna”, è un’idea unica e originale per celebrare la vita della tua nonna. Questo kit contiene tutto ciò che serve per aiutare la tua nonna a raccontare la sua storia, dall’infanzia fino ad oggi. Attraverso una serie di domande appositamente pensate, la tua nonna potrà scrivere i suoi ricordi e le sue esperienze di vita. Sarai sorpreso di scoprire quante cose nuove imparerai sulla sua vita e sulla storia della tua famiglia. La nonna apprezzerà il tempo trascorso a ricordare e a scrivere il libro, mentre tu dimostrerai il tuo interesse per la sua vita e il tuo affetto nei suoi confronti. Lo puoi trovare su Amazon qui https://amzn.to/3ZVa6VP

Manuale di sopravvivenza per nonni di oggi. Come cavarsela prima e dopo l’arrivo dei nipotini di Caroline Cotinaud

I nonni del ventunesimo secolo sono molto diversi dai loro predecessori, spesso attivi professionalmente e ancora molto giovani di spirito. Tuttavia, non si sono mai sottratti alla tradizione di coccolare i loro nipoti appena nati. In modo divertente e con un grande senso dell’umorismo, l’autore del libro aiuta tutti i neo-nonni a calarsi con serenità nel loro nuovo ruolo. Il libro fornisce un kit di sopravvivenza per affrontare le sfide dell’accudimento moderno, come ad esempio imparare a regolare uno scaldabiberon o distinguere tra un iPod e un podcast. L’autore affronta anche le possibili difficoltà della nonnitudine, come la distinzione tra il proprio ruolo e quello dei genitori, l’importanza di essere presenti nei momenti difficili e la stanchezza sempre in agguato. Il libro offre consigli pratici e utili per rispondere alle esigenze dei nipotini di oggi, senza ansia e stress, e per superare le sfide con serenità e consapevolezza. Lo puoi trovare su Amazon qui https://amzn.to/3yNJ2Ma

FAQ

Quali sono le responsabilità dei genitori nei confronti dei propri figli?
Le responsabilità dei genitori nei confronti dei propri figli includono l’educazione, la cura, la sicurezza e la felicità dei bambini.

Esiste una legge che obblighi i nonni a prendersi cura dei nipoti?
Non esiste una legge universale che obblighi i nonni a prendersi cura dei propri nipoti. La decisione di affidare i bambini ai nonni deve essere presa di comune accordo tra genitori e nonni, e non dovrebbe mai essere un obbligo.

Qual è l’importanza della comunicazione aperta e sincera tra genitori e nonni?
La comunicazione aperta e sincera tra genitori e nonni è importante per garantire il benessere dei bambini e delle relazioni familiari. Ciò permette di evitare incomprensioni, di affrontare i problemi in modo adeguato e di trovare soluzioni che tengano conto del benessere dei bambini.