Conosci la japanese cotton cheesecake? È senza lievito e il suo impasto è così soffice che ti sembrerà di mangiare una nuvola

I dolci tipici del nostro paese sono tutti molto buoni, ma, a volte, è bello poter assaggiare anche le prelibatezze degli altri paesi. Nella cucina giapponese, per esempio, esiste una torta talmente soffice che si chiama japanese cotton cheesecake e, chi l’ha provata, sostiene che sia come addentare una nuvola.

Per poterla assaggiare, non è necessario andare fino in Giappone e non bisognerà nemmeno recarsi in un ristorante tipico. Le uniche cose che servono sono alcuni semplici ingredienti e un forno.

Ingredienti:

  • 6 uova;
  • 50 gr di burro;
  • 100 ml di latte
  • 70 gr di farina 00
  • 260 gr di formaggio fresco spalmabile, tipo Philadelphia;
  • 30 gr di amido di mais;
  • 140 gr di zucchero;
  • 20 ml di succo di limone;
  • sale;
  • estratto di vaniglia.

Preparazione:

Per iniziare, dividi i tuorli dagli albumi, dopodiché, sciogli il burro in un pentolino, aggiungi il latte e il formaggio cercando di ottenere una consistenza omogenea e fai intiepidire il tutto.

Una volta fatto, versa il composto ottenuto in un recipiente e aggiungi i tuorli d’uovo, il succo di limone, un cucchiaino di estratto di vaniglia e un pizzico di sale, poi unisci la farina e l’amido di mais passandoli prima con un setaccio.

Monta gli albumi a neve aggiungendo lo zucchero. Dopoiché, amalgama gli albumi al composto mescolando delicatamente dal basso verso l’alto.

Infine, versa il tutto in una teglia per torte dal diametro di 22 cm e cuoci a bagno maria in forno statico a 150°C per 60 minuti. Fai riposare in forno per 15 minuti lasciando lo sportello leggermente aperto, dopodiché fai raffreddare la torta per almeno 4 ore in frigorifero. Se vuoi aggiungi una spolverata di zucchero a velo e buon appetito.

Potrebbe interessarti Impara a fare un delizioso dessert al limone con i biscotti secchi in 5 minuti e senza forno

Conoscevi già questa gustosa torta? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere la ricetta. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Hai una storia da raccontarci? Scrivi a [email protected]

Potrebbe interessarti:
Back to top button