Giulia e Sofia, le bimbe che hanno regalato i loro capelli ai malati di cancro

Giulia e Sofia sono due bimbe sarde dal grandissimo cuore. Sono diventate delle piccole star dei social grazie alla loro collaborazione con l’Associazione CharliBrown. Il tutto è nato dall’iniziativa Contro Il Cancro Mettici La Testa, la quale raccoglie capelli per poter creare delle parrucche per le bambine che li perdono a causa delle terapie a cui devono sottoporsi per guarire dal cancro.

Uno degli effetti più pesanti della chemioterapia, soprattutto per le bambine e per le donne, è la perdita dei capelli, che rende visibile a tutti chi soffre del male.

Toccate da questa iniziativa, Giulia e Sofia, due bambine di Cagliari, hanno deciso di donare i propri capelli. Questo loro gesto ha attivato un circolo virtuoso dando vita a numerose donazioni provenienti da tutta Italia, grazie alle quali moltissime bambine potranno avere delle parrucche fatte di capelli veri.

Giulia e Sofia hanno dimostrato un grande coraggio, molto più di quanto potrebbe sembrare. Queste due bambine, che frequentano ancora le elementari, hanno dimostrato una forte empatia nei confronti delle proprie coetanee più sfortunate.

L’Associazione CharliBrown ha dato una spiegazione di questa loro importante scelta: “Vogliamo donare una parrucca alle pazienti oncologiche e affette da alopecia che non hanno la possibilità di acquistarne una, tenendo conto che la più economica ha un costo di circa 550 euro. La bellezza è molto importante per far sentire bene le donne. Le aiuta ad accettarsi e soprattutto a socializzare, due cose indispensabili nel processo di malattia.”

Queste due bimbe hanno dimostrato di conoscere perfettamente il significato dell’amore e di cosa significhi donare con il cuore. Giulia e Sofia ora hanno molto seguito sui social ed hanno spinto moltissimi loro coetanei a seguire l’esempio.

Infatti, sono tantissimi coloro che stanno donando le loro chiome per creare delle bellissime parrucche per coloro che non hanno più capelli, facendo tornare il sorriso a tanti malati oncologici.

Potrebbe interessarti Sono calva, e allora?

Cosa ne pensi di questo toccante gesto? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere la loro bellissima storia. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a [email protected]

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button