L’hostess ha portato il bimbo autistico impaurito a fare un giro in cabina di pilotaggio per distrarlo e la sua idea ha avuto successo

Sonja Redding, la mamma di Xayvior, vive a Omaha, in Nebraska, e di recente ha dovuto affrontare un viaggio in aereo con il proprio bambino autistico per raggiungere uno specialista che fosse in grado di aiutarlo.  Xayvior, come il proprio fratellino, soffre di una malattia genetica chiamata acidemia metilmalonica; si tratta di un grave e pericoloso disturbo dell’apparato digerente, a causa del quale non riescono a digerire molti alimenti.

Durante il ritorno in aereo, il bambino, forse per via dello stress dovuto al lungo viaggio, per il rumore dei motori, o per l’ambiente a lui estraneo, ha avuto un crollo ed ha cominciato ad agitarsi e ad avere paura. La sua mamma, dopo aver tentato di tutto per cercare di tranquillizzarlo ma senza risultati, tra le urla e i pianti del proprio bambino si è sentita come se tutti i passeggeri dell’aereo la stessero osservano e giudicando.

Proprio in quel momento, Amanda Amburgy, una delle hostess di volo, si è offerta di aiutare la donna ormai in preda al panico. Inizialmente, in modo da farlo distrarre, ha provato a calmare il piccolo offrendogli delle cuffie per guardare un film, ma, purtroppo, il tentativo non ha avuto successo. Dunque, Amanda ha optato per un piano b che sicuramente avrebbe reso felice Xayvior e qualsiasi altro bambino del pianeta, ovvero, una visita guidata alla scoperta della cabina di pilotaggio.

Così, il bambino, contentissimo, ha potuto scoprire gli scompartimenti dell’aeroplano in compagnia della sua nuova amica Amanda, mentre la sua mamma ha potuto godersi alcuni minuti di riposo dopo un’intensa giornata di stress. Quando è ritornato al suo posto, il piccolo era molto più tranquillo e il resto del viaggio è andato molto bene.

Sonja non ha potuto far altro che postare sui social le foto del suo bambino felice in braccio alla sua hostess speciale, per ringraziare Amanda per quello che ha fatto quel giorno per lei. Dal canto suo, Amanda afferma che quello che ha fatto molto volentieri per Xayvior, in realtà, lo avrebbe fatto per qualsiasi altro piccolo passeggero a bordo.

Durante un’intervista all’ABC 10, la hostess ha affermato che una delle prerogative del suo lavoro è quella di mantenere un’atmosfera tranquilla a bordo dell’aereo e questo è proprio quello che ha cercato di fare anche in questa occasione.

La mamma del bimbo, tra le altre cose, parlando di Amanda ha scritto nel proprio post su Facebook:

Non ha guardato o giudicato, ha solo mostrato amore ed empatia senza esitazione. Abbiamo bisogno di più persone così nel mondo“.

Sonja e migliaia di utenti hanno apprezzato molto l’insolito gesto della brava hostess di volo e credono che, in realtà, l’aiuto di Amanda non rientrasse tra i suoi doveri di bordo. Quest’ultima, grata per i molteplici complimenti e apprezzamenti, spera che il suo gesto possa spingere le persone a non sottovalutare le difficoltà che affrontano i bambini con particolari problemi di salute mentre viaggiano su un aereo.

Potrebbe interessarti Un bimbo ha preso per mano un proprio compagno di classe autistico che non riusciva a smettere di piangere durante il primo giorno di scuola

Cosa ne pensi del gesto di questa brava hostess? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa bellissima storia. Seguici per altre storie, notizie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a info@curiosandosimpara.com

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

8K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>