Niente più panchine in piazza, la decisione del sindaco salentino per porre fine agli assembramenti

Il Sindaco del comune di Sannicola, nel Salento, ha dovuto ricorrere alle maniere forti per evitare gli assembramenti nelle piazze della città. Ogni giorno, i cittadini del paese trovano qualsivoglia scusa per uscire fuori casa, noncuranti delle regole da rispettare e delle centinaia di denunce penali già fatte delle forze dell’ordine.

La battaglia, quindi, è tra il Sindaco e una parte di cittadini che tutt’ora non sono ancora riusciti a capire la gravità della situazione. Per questo, primo cittadino ha deciso di agire con le maniere forti ed ha incaricato alcuni operai dell’amministrazione comunale di smontare tutti gli schienali e le sedute delle panchine di Piazza della Repubblica, in modo che le persone non trovino più motivi per restare fuori casa, oltre alle concessioni dettate dal decreto del Presidente del Consiglio.

#EmergenzaCoronavirus🔴Anche oggi, il corpo dei Vigli Urbani ha attuato, su tutto il territorio di #Sannicola, i…

Posted by Comune di Sannicola on Tuesday, 17 March 2020

I cittadini del comune, dunque, non possono più scambiare quattro chiacchiere all’aperto come hanno sempre fatto prima dell’avvento dell’emergenza da coronavirus, perchè questo tipo di comportamento potrebbe mettere in serio pericolo la salute di tutti. Perdipiù, il Sindaco ha ordinato la chiusura del lungomare e del Parco di Porto Selvaggio, per impedire qualsiasi picnic o passeggiate fuorilegge.

A Sannicola come deterrente sta smuntàmu puru le panchine te la chiazza.. 😆😂😂 Emmò vitimu ci capìti… DOVETE STARE A CASA!!😎

Posted by Andrea Vaglio on Wednesday, 18 March 2020

Inoltre, dalla pagina Facebook del Comune si legge anche che “La mancata osservanza degli obblighi comporterà le conseguenze sanzionatorie come per legge (art. 650 c.p.)“. In pratica, i cittadini potrebbero incorrere all’arresto fino a 3 mesi e un’ammenda di 206 euro.

A vantaggio dell’ordinanza comunale, i social network non smettono di diffondere messaggi di conforto e solidarietà come l’Inno di Mameli per far comprendere a tutti che se rimaniamo uniti, seppur stando lontani nelle nostre case, riusciremo a sconfigerre il virus.

Purtroppo, in tempi così duri come quelli che stiamo vivendo, un piccolo sacrificio oggi potrebbe essere determinante per ritrovare il benessere e la tranquillità domani.

Continuiamo a seguire le regole senza obbligare i comuni o le forze dell’ordine ad intervenire, poiché, ora, ci sono cose molto più importanti di cui si devono occupare, senza dover pensare anche a chi non sa rispettare le ordinanze fatte per il bene di tutti.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Cosa ne pensi della decisione presa da questo sindaco? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa notizia. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

9K Condivisioni

Potrebbe interessarti:
Back to top button
<
>
Close

Adblock rilevato

Per continuare devi disattivare l'adblock in questo sito web.