Ha 11 anni e si dedica a pulire e proteggere gli oceani. Ha già motivato più di 60 mila bambini ad accompagnarlo

Da quando è nato, Connor Berryhill adora l’acqua. Incantato dalla sua calma e bellezza, quando può stare tra le onde si sente molto felice. Ha cominciato a frequentare un corso di nuoto a soli 10 mesi e il suo istruttore disse che non aveva mai visto un bambino che stesse così a proprio agio nell’acqua.

Ha sempre preferito i documentari che parlano dell’oceano e della vita marina ai cartoni animati e il suo più grande desiderio è sempre stato quello di poter vivere sott’acqua.

https://www.facebook.com/microactivist/photos/a.163661750471583/772919452879140/?type=3&theater

Durante un viaggio alle Hawaii, mentre passeggiava sulla spiaggia di prima mattina, Connor ha potuto vedere una foca monaca allo stato selvatico. Questo fatto ha attirato la sua attenzione e ha cominciato ad informarsi su questa specie in pericolo di estinzione.

Potrebbe interessarti I ragazzi che si mettono d’accordo ogni giorno su Whatsapp per andare a pulire le spiagge dalla spazzatura

Ha così scoperto che, molto spesso, queste creature rimangono impigliate nelle reti da pesca che vengono abbandonate in mare e nei resti della spazzatura che si trova sulle spiagge. In quel momento, a soli 5 anni, ha deciso di dare il via ad una missione per ripulire gli oceani.

https://www.facebook.com/microactivist/photos/a.163194647184960/165778050259953/?type=3&theater

Nel corso degli anni ha continuato nel suo intento e sempre più bambini si sono uniti alla sua causa, ripulendo le spiagge dalla spazzatura con le loro mani.

Ora questo bambino californiano ha 11 anni ed ha fondato una propria organizzazione senza scopo di lucro chiamata MicroActivist, di modo che la sua missione possa coinvolgere sempre più persone. Il grande Connor dice che sta creando “la prossima generazione di guerrieri degli oceani“.

https://www.facebook.com/microactivist/photos/a.163661750471583/752368341600918/?type=3&theater

I piccoli volontari di MicroActivist ripuliscono le spiagge dai rifiuti, ma l’intento dell’organizzazione è anche quello di far innamorare i bambini dell’oceano per diventare dei guerrieri dell’oceano per sempre.

Ci sforziamo per rendere ogni pulizia un’avventura unica e divertente, in cui non solo puliamo l’intera spiaggia, ma creiamo un’esperienza nell’oceano che i bambini non dimenticheranno mai, al fine di mostrare ai piccoli perché è molto importante eliminare e ridurre l’immondizia nell’oceano“, indica il sito web di MicroActivist.

https://www.facebook.com/microactivist/photos/a.163661750471583/751671331670619/?type=3&theater

Oltre alla pulizia, MicroActivist sviluppa dei modelli educativi per le classi, programmi di studio per casa e per gruppi di giovani. L’organizzazione ha anche creato Micro-Movies, che mostra video e film del mondo sottomarino e dispone di una raccolta di libri sull’argomento.

Quella che è iniziata come la missione di un bambino per salvare le foche monache in pericolo di estinzione, è diventata un movimento di bambini determinati a cambiare il destino degli oceani.

https://www.facebook.com/microactivist/photos/a.163661750471583/810507302453688/?type=3&theater

Potrebbe interessarti Un gruppo di 633 sub batte il record mondiale di pulizia sottomarina

Cosa ne pensi di questi piccoli grandi guerrieri? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere la loro missione. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button