Un pilota sviene e un altro, che stava viaggiando come passeggero, prende il comando

Lo scorso lunedì, i passeggeri del Boeing 757 della compagnia Jet2 che stavano viaggiando dall’aeroporto di Manchester verso quello di Funchal (Madeira), si sono presi un bello spavento.

Si trovavano circa a metà del tragitto, quando l’equipaggio presente a bordo ha annunciato ai passeggeri che il pilota era svenuto e ha chiesto se ci fosse qualche altro pilota tra le persone presenti a bordo.

https://www.facebook.com/202336473454822/photos/a.202336560121480/913714432317019/?type=3&theater

Per fortuna, un pilota della stessa compagnia si trovava sull’aereo poiché stava andando a Madeira per trascorrere le proprie vacanze ed ha offerto il proprio contributo all’equipaggio, prendendo il posto del pilota ed effettuando un atterraggio di emergenza.

Erano circa le 10:20 di mattina quando all’aeroporto di Porto, in Portogallo, hanno ricevuto la richiesta di poter effettuare un atterraggio di emergenza e, per questo, è stata prontamente chiusa una delle piste per agevolare il pilota.

https://www.facebook.com/ChubutHoy/photos/a.282069559074218/436592573621915/?type=3&theater

Secondo quanto riporta il Daily Mail, un portavoce della compagnia Jet2 ha affermato che: “Il volo da Manchester a Funchal è stato dirottato all’aeroporto di Porto per precauzione, a causa di un malore di uno dei piloti“.

Jet2 ha anche pubblicato un Tweet sull’accaduto: “Ci scusiamo con i clienti che stavano viaggiando sul volo LS765 da Manchester a Funchal, Madeira, i quali sono stati deviati a Porto, in Portogallo, a causa di una situazione medica a bordo. Stiamo lavorando per farvi ripartire al più presto“.

Potrebbe interessarti Le biblioteche volanti per bambini di Easyjet che mettono a disposizione i libri per i piccoli viaggiatori

Come ti saresti sentito se ti fossi trovato al posto di uno dei passeggeri di questo volo? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa storia a lieto fine. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a [email protected]

Potrebbe interessarti:
Back to top button