Tutte le neomamme hanno diritto ad 800 euro per la nascita del proprio bimbo: “Bonus mamma”, cos’è e come funziona

Quando sta per arrivare un bambino, oltre alle tante emozioni che può provare una famiglia, ci sono anche un sacco di cose da prepapare per il piccolo, di modo che possa fin da subito sentirsi coccolato e protetto nella propria nuova casa.

Per questo motivo, esiste un contributo erogato dall’INPS che è riservato a tutte le donne incinte dal settimo mese di gravidanza che si chiama “Bonus mamma domani” o “Bonus premio alla nascita“.

Di fatto, indipendentemente dal reddito, ogni donna ha il diritto di ricevere questo bonus dal valore di 800 euro che viene erogato alle neomamme o future mamme a partire dal settimo mese di gravidanza.

Come accennato, non esiste un limite di reddito per poter ottenere questo importo e, per questo, non è necessario presentare il modello Isee al momento della richiesta che può essere effettuata tramite un Caf o un commercialista, oppure direttamente sul sito dell’Inps nel caso in cui si disponga del Pin.

L’unica documentazione che viene richiesta al momento della presentazione è il certificato di gravidanza e il numero di protocollo telematico del certificato, o, in alternativa, per le mamme che non lavorano è sufficiente un’autocertificazione che indichi il numero di 15 cifre di una prescrizione medica che presenti un codice di esenzione che va da M31 a M42.

La domanda può essere presentata dal momento in cui si entra nel settimo mese di gravidanza ed entro un anno dal verificarsi dell’evento.

Oltre alle mamme in dolce attesa, anche le famiglie che hanno adottato dei bambini o che sono in affido preadottivo possono richiedere questo beneficio.

Per maggiori informazioni puoi consultare il sito dell’Inps a questo link.

Potrebbe inteerssarti Questo bellissimo corto ti mostrerà che a volte una mamma non può riuscire a fare tutto

Eri a conoscenza dell’esistenza di questo contributo alla maternità? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a [email protected]

Potrebbe interessarti:
Back to top button