L’artista crea una replica del Partenone con 100 mila libri vietati

Tra i vari eventi e le tantissime presentazioni che si sono tenuti al Festival d’Arte Documenta 14 a Kassel, in Germania, spicca l’iniziativa dell’artista argentina Marta Minujin.

https://www.facebook.com/Wilmatakesabreak/photos/a.1639840579383703/1639846546049773/?type=3&theater

La donna ha presentato la The Parthenon of Books, una replica del Partenone di Atene composta da una struttura di 100 mila libri la cui diffusione era vietata nell’epoca in cui vennero scritti.

https://www.facebook.com/ChristianWerkmeisterPhotographie/photos/a.1329914447119204/1367817069995608/?type=3&theater

Da uno studio effettuato dall’artista insieme ai suoi studenti presso l’Università di Kessel, sono stati identificati 170 libri di tutto il mondo che sono stati vietati in tutti i paesi o vietati in alcuni paesi mentre circolavano liberamente in altri. Per questi ultimi, Marta ha chiesto al proprio pubblico di donare questi testi che sono stati soggetti alla censura, per poter costruire la replica architettonica del Partenone di Atene.

https://www.facebook.com/GermanEmbassyCanberra/photos/a.203767499799317/857838051058922/?type=3&theater

Ciascun libro pervenuto, è stato rivestito con una plastica protettiva e appeso alla struttura. Tale iniziativa ha avuto lo scopo di sensibilizzare il pubblico e di far capire quanto i politici e le loro decisioni possono influenzare l’opinione cittadina.

https://www.facebook.com/editorapuc/photos/a.209538929083251/1432701103433688/?type=3&theater

La scelta della piazza in cui è stato costruito il Partenone dei Libri non è casuale, infatti in essa vennero bruciati dai nazisti ben 2 mila libri che andavano contro lo spirito anti-tedesco.

https://www.facebook.com/beauxarts.tw/photos/a.1235246353177115/1458437660857982/?type=3&theater

Questa costruzione rappresenta quindi una vera e propria rivendicazione del passato.

Questa non è la prima replica del “The Parthenon of Books”: l’artista lo costruì per la prima volta nel 1983, quando innalzò 25 mila libri banditi dalla giunta militare argentina in una piazza di Buenos Aires.

https://www.facebook.com/ChinaGlobalTVNetwork/photos/a.566725090034982/1659174344123379/?type=3&theater

La costruzione della sua struttura è cominciata ad ottobre del 2016 e nel giugno del 2017 è avvenuta l’apertura ufficiale. Anche in questo caso, per i i visitatori è stato possibile partecipare all’opera controllando l’elenco dei libri vietati e portando con sé un testo da includere nella costruizione.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10213183473174809&set=a.3326556416123&type=3&theater

Potrebbe interessarti Degli artisti olandesi hanno dipinto su un edificio una libreria gigante con i libri preferiti dai vicini

Avevi mai sentito parlare di questa meravigliosa opera? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano vederla. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare scrivi a [email protected]

Potrebbe interessarti:
Back to top button