KitKat sostituisce gli imballaggi di plastica con quelli di carta che puoi trasformare in origami

Fortunatamente, sono molte le aziende di tutto il mondo che si stanno impegnando per ridurre l’utilizzo della plastica per sostituirla con degli imballaggi meno inquinanti per l’ambiente.

Tra queste, è possibile trovare anche la nota multinazionale Nestlé, la quale, all’inizio del 2019, ha annunciato attraverso il proprio sito web che entro il 2025 verranno utilizzati solamente imballaggi riciclabili al 100%.

Per raggiungere questo obiettivo, la filiale giapponese della nota azienda ha iniziato ad utilizzare dei nuovi imballaggi per le popolari barrette mini di KitKat, le quali d’ora in poi saranno avvolte nella carta, anziché nella plastica.

https://www.facebook.com/Nestle.Japan/photos/a.419320998143307/2881958305212885/?type=3&theater

Passando ad un involucro ecologico sui multipack dei mini KitKat solo in Giappone, prevedono di utilizzare circa 380 tonnellate di plastica in meno ogni anno. Questo perché sembra che gli abitanti di questo paese siano i maggiori consumatori di queste barrette che sono disponibili in diversi gusti, basti pensare che ogni giorno ne vengono vendute circa 4 milioni di confezioni.

Oltre al materiale, Nestlè ha anche pensato di modificare la grafica dell’involucro, invitando gli utenti a creare dei simpatici origami seguendo le semplici istruzioni riportate. Questo per fare in modo che la carta possa essere utilizzata più a lungo prima di essere buttata per essere nuovamente riciclata.

A settembre dell’anno prossimo, il marchio inizierà ad utilizzare l’imballaggio di carta anche nei multipack KitKat di dimensioni normali.

Potrebbe interessarti Food in the nude: addio alla plastica per frutta e verdura nei supermercati della Nuova Zelanda

Cosa ne pensi dell’impegno nei confronti dell’ambiente da parte di questa grande azienda? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a [email protected]

Potrebbe interessarti:

Non perderti:

Altri articoli