La tragedia silenziosa che sta colpendo i bambini di oggi

Con il passare del tempo nelle nostre case si sta palesando una minaccia silenziosa e riguarda proprio i nostri gioielli più preziosi: i nostri figli. I bambini sono in uno stato emotivo devastante. Per avere conferma di ciò basti vedere le statistiche rilasciate dai ricercatori negli ultimi 15 anni, i ricercatori sono allarmati dal costante aumento delle malattie mentali dei bambini, che sta ora raggiungendo proporzioni inaudite:

1 bambino su 5 ha problemi di salute mentale

43% di aumento dell’ADHD (sindrome da deficit di attenzione e iperattività)

37% aumento della depressione adolescenziale

200% di aumento del tasso di suicidio nei bambini tra i  10 ed i 14 anni

Ora che abbiamo preso coscienza dei problemi sopracitati è bene fare una piccola premessa: è scientificamente provato che il cervello ha la capacità di adattarsi all’ambiente circostante. Sfortunatamente, però, con l’ambiente e gli stili di vita che stiamo fornendo ai nostri figli, stiamo anche indirizzando il cervello dei nostri bambini in una direzione sbagliata. Ciò che faremo ora è cercare di capire come si è trasformato il cosiddetto “ambiente infantile”.

Cosa c’è che non va?

I bambini di oggi vengono privati dei fondamenti di un’infanzia sana, come:

1)      Avere dei genitori presenti.

2)      Avere dei limiti e degli orientamenti chiaramente definiti.

3)      Imparare cosa sia la responsabilità.

4)      Mangiare bene e dormire adeguatamente.

5)      Giocare all’aperto.

6)      Fare amicizie ed interazione sociale.

Tutto questo purtroppo è stato sostituito con:

1)      Genitori distratti digitalmente.

2)      Genitori indulgenti che lasciano “governare il mondo” ai bambini.

3)      Sonno inadeguato e nutrizione squilibrata (perché i genitori non tengono d’occhio i bambini).

4)      Stile di vita sedentario (non praticare mai sport).

5)      Stimolazione infinita: babysitter, quantità spropositata di oggetti tecnologici (nelle mani dei bambini), gratificazione immediata per qualunque cosa.

Secondo voi è possibile crescere una generazione sana in un ambiente così malsano? Certo che no! non ci sono scorciatoie per diventare dei buoni genitori. I risultati ottenuti finora sono stati devastanti e purtroppo sono proprio i nostri bambini a pagare questo conto salatissimo.

Come risolvere il problema: 10 consigli

Se vogliamo che i nostri figli crescano come degli individui felici e sani è bene svegliarci e tornare alle basi. Prima di tutto è bene ricordare che siamo dei genitori per i nostri figli e non degli amici; perciò  è necessario dare ai bambini uno stile di vita sano e ben equilibrato preoccupandoci di fornirgli ciò di cui hanno bisogno e non solo ciò che vogliono. Non dobbiamo avere paura di dire “No!” ed anche se a volte ci può far male, dobbiamo ricordarci per cosa lo stiamo facendo.

Ecco una lista di cose da fare:

1) È bene trascorrere insieme un’ora al giorno nello spazio verde: mountain bike, escursionismo, pesca, osservazione di uccelli/insetti.
2) Parlare molto durante il pranzo e la cena.
3) Usare i giochi da tavolo.
4) Coinvolgere il bambino in un lavoretto al giorno (lavanderia, riordino giocattoli, appendere i vestiti, fare la spesa, apparecchiare la tavola, ecc).
5) Insegnare la responsabilità e l’indipendenza; è bene non essere iper-protettitivi sennò i bambini non saranno mai in grado di sviluppare le competenze necessarie per poter far fronte alle sfide del futuro.
6) Non fare mai lo zaino al tuo bambino, deve farlo da solo.
7) Non usare la tecnologia (pc o smartphone) come una cura per la noia; quest’ultima serve a risvegliare la creatività del bambino stesso.
8) Ricordarsi di spegnere il telefono ai bambini quando vanno a letto, in caso contrario essi potrebbero riprenderlo ed usarlo (perciò dormirebbero di meno).
9) Diventare il coach emotivo del vostro bambino insegnandogli a riconoscere ed affrontare la frustrazione e la rabbia.
10) Insegnare le buone maniere quando si parla con gli altri trasmettendo i diversi modi di rivolgersi alle persone di diversa età (come si parla con un coetaneo e/o con una persona più anziana).  

Dobbiamo assolutamente apportare delle modifiche nella vita dei nostri figli prima che questa intera generazione di bambini venga distrutta. 

Cosa ne pensi? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere questi consigli con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Da Yourot

Condivisioni 36K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *