Stanno abbattendo degli alberi che hanno più di 500 anni in Amazzonia per costruire “case di lusso”

Di fronte a questo “ecocidio” hanno perso la vita diversi leader indigeni, esiste corruzione e mancanza di attenzione da parte dello stato.

La realtà degli alberi dalla corteccia rossiccia è abbastanza preoccupante, poiché la distruzione del loro habitat ha messo con le spalle al muro l’Amazzonia peruviana, il governo è stato inefficiente per la loro protezione e per la continua pressione del commercio del legname.

Le ricerche assicurano che se non verranno presi al più presto dei provvedimenti, questa specie di albero potrebbe estinguersi entro 10 anni. Di fatto, nel 2018 sono stati individuati più di 4 mila m3 di legname estratto illegamente.

Una delle grandi sfide che sta affrontando l’Amazzonia è l’abbattimento indiscriminato degli alberi che hanno più di 500 anni. Alcuni scenziati affermano che potrebbero essere gli ultimi giorni utili per poter salvare specie come lo shihuahuaco.

Lo shihuahuaco non è la prima vittima della grande richiesta di legname e della mano dell’uomo. Prima, la pressione commerciale ha portato sull’orlo dell’estinzione specie come la copaíba, il cedro e il mogano“.

Ad oggi, il Perù mantiene gli accordi sulla protezione delle specie minacciate, il cui legno di alta qualità è privilegiato da chi commercia questo materiale.

Daniel Valle, un esperto in conservazione biologica, segnala che: “Al giorno d’oggi, la copaíba scarseggia e anche lo shihuahuaco rischia di fare la stessa fine“. Questa specie si trova ubicata in una zona in cui, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), si concentrano il 60% delle aziende e il 79% del fatturato del settore dell’estrazione del legno.

Uno studio del 2016 condotto su 705 specie di alberi, ha sottolineato che 61 di queste si trovano in pericolo critico di estinzione e 87 in pericolo.

Di fatto, nonostante la ricerca sia stata presentata al ministro dell’ambiente, è caduta nel dimenticatoio e ad oggi il shihuahuaco non è ancora stato inserito nella lista delle specie in via di estinzione e che devono essere protette.

Dall’Amazzonia al resto del mondo

Queste specie vengono destinate principalmente agli Stati Uniti, alla Cina, al Messico e alla Repubblica Dominicana. Attualmente le autorità peruviane stanno elaborando una lista delle categorie delle specie minacciate, ma secondo l’agenzia di protezione dell’ambiente l’impatto della domanda internazionale di legname andrà avanti ancora per molto tempo.

Affari d’oro

Chi opera illegalmente approfitta della mancanza di regole e della mancanza della presenza delle autorità.

La crescente domanda di legname è già costata la vita ad alcuni leader delle tribù indigene, i quali si ritovano ad affrontare faccia a faccia i rischi dell’abbattimento della foresta.

Il business illegale di legna dell’Amazzonia è uno dei più proficui dell’intera regione e l’unica possibile soluzione è la categorizzazione delle specie e un lavoro di squadra tra gli organi di sorveglianza, le organizzazioni a difesa dell’ambiente, le comunità indigene e la forza pubblica, con l’obiettivo di proteggere e di rispettare la foresta.

Cosa ne pensi di questo grande problema? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button