I disturbi mentali più strani e rari del mondo

I disturbi mentali comportano delle alterazioni emotive e cognitive che influenzano la nostra percezione ed i nostri comportamenti. Possono essere causati da fattori biologici, ma anche per le esperienze che viviamo e per una persona che soffre di questi disturbi, solitamente, è più complicato adattarsi all’ambiente che la circonda.

In passato, i disturbi mentali, in qualche modo, condannavano la vita di chi ne soffriva, tuttavia, oggi grazie agli studi e all’aumento della consapevolezza sociale, possono essere diagnosticati e trattati.

Di fatto, sono più comuni di quanto si potrebbe pensare, poiché secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute, una su quattro persone, nel corso della propria vita, soffre di qualche disturbo mentale.

Ansia, attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi e fobie, sono solo alcuni dei disturbi mentali più frequenti. Tuttavia, ne esistono alcuni che risultano essere quasi sconosciuti, ma sono considerati come i più strani e rari del mondo.

Sindrome di Cotard

Chi soffre di questo disturbo crede di essere morto, di non avere organi interni e sangue, oppure è convinto di trovarsi in una dimensione parallela. Il neurologo Jules Cotard ha parlato per la prima volta di questa sindrome nel 1880.

L’uomo aveva avuto in cura una paziente di 43 anni che credeva di non avere né cervello né nervi, ma semplicemente pelle e ossa. Inoltre, la donna era convinta che sarebbe vissuta in eterno, tuttavia, morì per una prolungata astensione da cibo, poiché lei stessa si rifiutava di mangiare.

Sindrome di Capgras

Chi soffre di questa rara malattia mentale vive nella convinzione che i propri cari, familiari o amici, siano stati sostituiti da persone estranee che si fanno passare per loro. Questa sindrome potrebbe essere causata da una disconnesione tra il riconoscimento visivo e la memoria affettiva.

Il suo nome deriva dallo psichiatra Jean Marie Joseph Capgras, il quale la diagnosticò per la prima volta nel 1973. La paziente che aveva in cura era una donna di 74 anni che era convinta che suo marito fosse stato rimpiazzato da un sosia.

Sindome di Anton

Un’altra sindrome strana e rara è quella di Anton, la quale è strettamente legata con la cecità corticale, un deficit della vista in cui si manifesta la cecità a causa di una lesione alle aree visive primarie della corteccia cerebrale. Le persone che soffrono della sindrome di Anton, rifiutano la condizione di non poter vedere e cercano di agire con normalità, anche descrivendo oggetti che si trovano intorno a loro.

La cecità corticale porta l’occhio a funzionare normalemente e la pupilla a reagire alla luce, tuttavia, il cervello non elabora le informazioni che gli arrivano.

Sindrome di Fregoli

Chi soffre di questa sindrome crede che le persone a lui care, in realtà, siano un unico individuo che si traveste per apparire come le altre persone e che li perseguita e li vigila. Il fatto che l’individuo persecutore sia sempre lo stesso soggetto la differenzia dalla sindrome di Capgras.

In alcune occasioni, la persona affetta può anche “ricordare” luoghi o avvenimenti in cui non è mai stato presente. Il nome di questa sindrome deriva dall’attore italiano Leopoldo Fregoli, il quale nelle proprie opere interpretava simultaneamente diversi personaggi.

Sindrome di Gerusalemme

Esistono dei disturbi mentali che sono strettamente legati alla cultura religiosa. Come il caso della sindrome di Gerusalemme, la quale può colpire le persone che visitano la città di Gerusalemme.

Il coinvolgimento emotivo del luogo per alcuni è talmente forte da portarli a credere di essere i prescelti per compiere una missione, o di essere delle importanti figure religiose.

Sindrome di Bálint-Holmes

Si tratta di una sindrome che può essere causata da un altro disturbo chiamato atassia ottica. In pratica, chi ne soffre non è in grado di coordinare con gli arti le informazioni visive che riceve. Per esempio, percepisce un oggetto più lontano di quanto realmente è, per questo le sue mani non possono toccarlo. Tuttavia, la vista e il sistema motorio funzionano, solo che non sanno lavorare insieme.

Un altro sintomo di questa sindrome porta il paziente a vedere solamente un oggetto alla volta. Inoltre, riscontra molte difficoltà a cambiare il punto di concentrazione, anche quando si sviluppa uno stimolo in un altro punto del campo visivo.

Sindrome di Otello

Questa sindrome è nota anche come gelosia delirante o gelosia ossessiva. Chi ne soffre è convinto che il proprio partner gli sia infedele e, nonostante non abbia prove che lo dimostrino, la convinzione è talmente forte che agisce in maniera ossessiva. In molti casi, l’ipotetico amante non è una persona specifica, ma un’ombra misteriosa che distrugge la vita di coppia.

Sindrome di Bovary

Il bovarismo è una sindrome che porta chi ne soffre ad una sensazione di insoddisfazione permanente. Non contano tutte le cose belle che possono succedergli, gli obiettivi raggiunti sembrano non essere mai abbastanza.

Accade spesso anche nelle relazioni di coppia, quando le aspettative di fronte alla storia d’amore sono talmente idealizzate che quando diventano reali, risultano essere insufficienti e frustranti.

Licantropia clinica

I pazienti con questa sindrome credono di potersi trasformare in animali. Questa condizione porta i malati a voler assomigliare sempre di più ad un animale, spesso ad un lupo, comportandosi come tale. Il termine deriva proprio dal mito dei licantropi.

Potrebbe interessarti 19 impressionanti fotografie mediche su come venivano curate le malattie nel passato

Conoscevi questi disturbi psicologici? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggerlo. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a info@curiosandosimpara.com

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

597 Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>