Un pediatra ha rivelato come proteggere i bambini dall’abuso sessuale e vorrebbe che tutti i genitori lo ascoltassero

L’abuso sessuale ai danni dei bambini è una delle pratiche più abominevoli che esistano sulla faccia della terra. A volte i danni sono così devastanti che possono gettare il povero bimbo in uno stato di profonda depressione e tutto questo potrebbe avere serie ripercussioni nel corso dell’intera vita. I consigli per combattere il problema ci sono, però non sempre il parere degli esperti raggiunge un accordo unanime.

Il pediatra Adeyeye Amosun e la sua esperienza sul tema degli abusi sessuali ai danni dei bambini

Un famosissimo pediatra (il dottor Tobi Adeyeye Amosun) è riuscito a fare più chiarezza sul da farsi. Sul suo profilo Facebook possiamo vedere un lunghissimo post (scritto dalla medesima persona) che esorta i genitori a prendere determinati provvedimenti al fine di impedire un possibile abuso sessuale. La lista contiene 7 punti cardine da rispettare:

1) Spesso gli abusi avvengono in posti molto familiari alla vittima

Spesso gli abusi sessuali vengono consumati in abitazioni familiari (alla vittima) da persone molto vicine al bambino (parenti, baby sitter, amici dei genitori), solitamente l’adescatore è maschio ma a volte può succedere anche da una persona di sesso femminile. Altri posti sospetti sono i campi da calcio, parco giochi, chiese e così via. Si raccomanda vivamente ai genitori di badare sempre ai loro bambini: se si sta sempre insieme ai figli, l’abuso non ha modo di realizzarsi.

2) State attenti quando i vostri figli vanno a dormire a casa di amici

Non si vuole allarmare nessuno, ciononostante va detto che diversi bambini hanno affermato di essere stati coinvolti in atteggiamenti sospetti proprio in avvenimenti del genere. Se conoscete perfettamente i genitori dell’amico/a che ha invitato vostro/a figlio/a non dovrebbero esserci problemi, comunque massima allerta.

3) Massima cautela quando si parla del corpo umano

É bene sapere che i bambini (giustamente) non sanno ancora cosa voglia dire organo sessuale; è bene evitare argomenti del genere, possibilmente questi discorsi vanno affrontati dalla pubertà in poi.

4) Insegnare ai bambini dove non devono mai essere toccati

Questo punto è importantissimo, è bene dire ai bambini che ci sono contatti fisici che vanno bene ed alcuni che invece sono alquanto allarmanti: se qualcuno tocca la spalla ok, ma se qualcuno tocca parti del corpo dove c’è la biancheria intima la situazione è totalmente diversa; bisogna fare imparare ai bambini a dire quando vengono toccati in parti del corpo “sospette”.

5) Preoccuparsi solamente di chi non si conosce è sbagliato

Riaffrontando il discorso del primo punto è bene dire che la stragrande maggioranza degli abusi vengono compiuti da persone familiari alle vittime. Questo vuol dire che spesso i potenziali adescatori sono persone che cercano di ottenere la simpatia dei genitori per poter stare più tempo possibile con i bambini (il loro intento è quello di restare soli con il bimbo).

6) Limitare il più possibile l’utilizzo dei cellulari e dei tablet

Uno degli argomenti più gettonati; i motivi sono molteplici: prima di tutto è bene sapere che la rete pullula di materiale pornografico, in ragione di questa affermazione è bene monitorare e limitare l’accesso ad internet.

Un altro punto (forse quello più spinoso) è il fatto che gli adescatori utilizzano la rete proprio per avvicinarsi il più possibile alle loro “prede”. Consigliamo di controllare spesso la cronologia dei vostri figli.

7) Fidatevi del vostro istinto da genitori

L’istinto è un importantissimo campanello d’allarme: se qualcosa vi può sembrare sospetto è bene andare fino in fondo (fino a quando non si sciolgono i dubbi), male che vada avrete alzato un po’ di polvere per niente, ciononostante è bene ricordarsi che non fidarsi del proprio istinto potrebbe rivelarsi fatale per il vostro bambino, perciò è meglio seguirlo.

Sia ben chiaro: non si sta dicendo di rinchiudere a chiave i vostri bambini, questa lista ha il solo scopo di far sentire al sicuro sia loro che voi.

Potrebbe interessarti: Niente smartphone per i minori di 12 anni e senza Whatsapp fino a 16: la polizia spiega i pericoli

Non dimenticare di condividere queste utili informazioni con altri genitori e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara

Condivisioni 1K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *