Il ricamo a punto croce è la nuova terapia contro lo stress

Molto probabilmente, nelle case dei tuoi genitori o dei tuoi nonni ti è capitato di vedere un cuscino, piuttosto che una presina, o una tovaglia ricamata a punto croce.

Dopo essere stato quasi sul punto dell’estinzione, il ricamo a punto croce è tornato di moda tra i più giovani come un modo efficace per combattere lo stress, il quale si unisce ad altre tendenze, come per esempio la lavorazione della ceramica o i mandala da colorare.

Hobby con una missione specifica

Si tratta di passatempi dell’epoca dei nostri nonni o dei nostri genitori e il fatto che stiano ritornando ad essere di moda non è per niente una casualità, poiché il ricamo a punto croce è un’attività che può alleviare una mente ansiosa e troppo stimolata.

Ripetizioni terapeutiche

Secondo uno studio effettuato dall’American Friends of Tel Aviv University, una dose salutare di comportamenti ripetitivi può aiutare a ridurre l’ansia, chiaramente escludendo atteggiamenti che denotano disturbi ossessivo-compulsivi. E questo riguarda anche il ricamo a punto croce poiché richiede di ripetere il gesto di infilare l’ago e di estrarlo dal tessuto più e più volte e per questo può calmare la mente.

Meditazione in movimento

Se fatichi a stare fermo anche per soli 15 minuti mentre ti concentri sul tuo respiro per distogliere la tua mente da tutti i pensieri, può darsi che il ricamo a punto croce faccia proprio per te. Questo perché quando lo fai sei consapevole del compito di ricamare e concentrandoti su questo è un buon modo per eliminare lo stress.

I cervelli stanchi e le menti esauste possono essere alleviati da questa semplice attività.

Potrebbe interessarti Camminare rigenera il cervello, allevia la tristezza e lo stress

Hai mai pensato di ricamare a punto croce per rilassarti? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a info@curiosandosimpara.com

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

11K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>